Additivi buoni e cattivi: solfati negli shampoo

Perm

Ammettilo, da quando ti sei interessato alla composizione del tuo shampoo? Sono il primo ad essere onesto. Mi sono svegliato dopo che i produttori hanno impostato gli accenti. Tra gli shampoo impreziositi da allettanti promesse dei marketer, ci sono prodotti etichettati con modestia "solfate free". Ma questa nota per molti è l'argomento principale al momento dell'acquisto! Propongo di capire se i solfati sono necessari negli shampoo e il modo migliore - con o senza di essi?

Cosa sono i solfati

Ricordando le lezioni di chimica della scuola! I solfati sono sali dell'acido solforico. Per i produttori di cosmetici, servono come un componente efficace ed economico che migliora le proprietà dei prodotti: lo shampoo con solfati schiume perfettamente, rimuove le impurità, lava "a un cigolio". Tale praticità spiega la popolarità dei sali: oggi vengono aggiunti a prodotti chimici domestici, cosmetici e dentifrici per bambini..

Spero che non pensi che io stia lodando i solfati? Questo componente è utile per i produttori di cosmetici economici (e talvolta piuttosto costosi), ma può danneggiare i consumatori. Comprovati danni dei solfati negli shampoo:

  • irritare il cuoio capelluto;
  • può causare allergie;
  • provocare acconciature "morbide";
  • promuovere la caduta dei capelli (con un uso regolare).

Secondo cittadini sospettosi, lo shampoo con solfati può ritardare lo sviluppo di bambini e adolescenti, portare alla calvizie e persino all'oncologia. Pieno di paura?

Perché aggiungere questi solfati nocivi agli shampoo

Perché i produttori rischiano la nostra salute e usano questi terribili ingredienti? Sì, perché non ci sono dati confermati sul loro pericolo. I solfati non provocano malattie, non influenzano la funzionalità del corpo. Ma conferiscono ai cosmetici proprietà eccellenti..

  1. Lavare il silicone: un fedele compagno di gel e vernici per lo styling.
  2. Elimina la forfora rivelando le squame dei capelli e favorendo la penetrazione profonda dei componenti antiforfora.
  3. Ottima schiuma e quindi economica da usare.
  4. Brillantezza istantanea, volume, levigatezza dei capelli: il merito della chimica nei cosmetici. E sali compresi.

Con l'uso regolare, i solfati indeboliscono le funzioni protettive della pelle, a cui sono associati effetti collaterali come perdita di capelli, elettrificazione, secchezza. Ma anche questo problema riguarda solo chi trascura cure complesse! I cosmetici moderni sono farciti con ingredienti che neutralizzano le proprietà nocive dei solfati. A proposito, questo è uno dei motivi per cui vale la pena acquistare shampoo e balsamo (o balsamo) della stessa serie..

Come trovare shampoo senza solfati

La questione dei pericoli dei solfati e di altre sostanze chimiche nei cosmetici sta diventando più acuta. Alcuni produttori si vergognano persino della presenza di sali nei loro prodotti e li cospirano attentamente. Ma questi trucchi non funzioneranno per te! E se hai intenzione di acquistare uno shampoo senza solfati, fai attenzione alla composizione. Cerchiamo sali in prima fila, in seconda o terza posizione.

La designazione dei solfati negli shampoo (il più comune):

  • SLS (sodio lauril solfato). Il più aggressivo e quindi pericoloso tra i suoi simili.
  • SLES (sodio laureth solfato). Solfato più silenzioso di SLS. Ma lava la pelle allo stesso modo, "finché non cigola".
  • ALS e ALES - (ammonio lauril solfato e laureth solfato). Solfati con cui non dovresti assolutamente scherzare. Gli agenti cancerogeni aggressivi entrano facilmente nel corpo attraverso la pelle.

Come capire che lo shampoo è senza solfati? La sua composizione è minimalista. Non ci sono tensioattivi crittografati e neutralizzanti di accompagnamento, e i componenti naturali agiscono come una base di lavaggio: olio di cocco, corteccia d'albero del sapone, glucosio (glucoside) di alcuni prodotti. Questi ingredienti sono ottimi sostituti dei sali aggressivi, ma costano molto di più..

Chi ha bisogno di uno shampoo senza solfati?

Sulla base dei pro e dei contro dei solfati, puoi facilmente decidere l'acquisto di uno shampoo. Tuttavia, non sempre e non tutti hanno una scelta: a volte l'uso di un agente senza solfati è una necessità. Ciò è dovuto al fatto che le particelle di sale allentano i capelli, lavando via tutto da esso: sporco, prodotti chimici, prodotti per lo styling, pigmenti coloranti. Pertanto, nei casi elencati di seguito, si consiglia vivamente di utilizzare solo shampoo detergenti naturali..

  1. Dopo il cambio di colore: colorazione, viraggio, evidenziazione, ecc..
  2. Se i capelli sono danneggiati, si dividono o cadono.
  3. Dopo laminazione, stiratura alla cheratina, botox, permanente e styling a lungo termine.
  4. Con una maggiore sensibilità del cuoio capelluto, manifestata da prurito, arrossamento, senso di oppressione.

I solfati sono dannosi per l'ambiente. Pertanto, anche tutti coloro che hanno a cuore l'ambiente dovranno rinunciarvi..

Solfati negli shampoo coreani e giapponesi

Oggi, trovare cosmetici completamente naturali non è facile: i componenti chimici moderni semplificano notevolmente la vita e sono relativamente sicuri, quindi perché escluderli dalla produzione? I nostri preferiti asiatici, promuovendo formulazioni naturali e cosmetici sicuri, “peccano” anche aggiungendo solfati agli shampoo. Non è solo un'altra conferma che i sali sono sicuri per la salute??

I marchi che soddisfano i clienti più esigenti non potevano rinunciare alle formulazioni biologiche. Certo, nel loro assortimento c'era un posto per shampoo senza solfati:

Quando passi da shampoo solfato a shampoo organici, preparati a perdere volume e lucentezza nei tuoi capelli. Non appena tutti i componenti chimici vengono lavati via, la bellezza naturale e la salute torneranno alle ciocche.!

Riassumiamo

Ora sai su quali rimedi fidarti dei tuoi capelli e come identificare lo shampoo senza solfati. Con te il diritto di scegliere, con me - consigli. Non essere categorico. La composizione dello shampoo senza solfati è ovviamente più rispettosa dell'ambiente, ma non è in grado di far fronte a un forte inquinamento (soprattutto causato dai mezzi per lo styling e il fissaggio dei capelli). L'opzione migliore è combinare materia organica e sale. Oppure rifiuta qualsiasi sostanza chimica che venga a contatto con i capelli: vernici, gel, mousse, cosmetici con siliconi. Personalmente, sono debole, e tu? ;)

La recensione per te è stata preparata da me, Nastya Vorobyova. Grazie a tutti per la vostra attenzione e... presto parleremo di parabeni con siliconi! =)

Solfati in shampoo

Molto è stato scritto e detto sui pericoli dei solfati negli shampoo e in altri prodotti per l'igiene. Ma, stranamente, questo componente si trova ancora in quasi tutti i flaconi, e continuiamo a comprare più e più volte detersivi, in cui la prima riga dice: "Solfato". Ad oggi, ci sono una serie di studi scientifici russi e stranieri nel campo dello studio degli effetti dei solfati sul corpo di animali e umani e indicano il danno innegabile dei sali medi di acido solforico H2COSÌ4 (cioè solfati).

Cosa sono i solfati

I solfati sono agenti tensioattivi (tensioattivi) che si ossidano a contatto con l'acqua e formano una ricca schiuma che rimuove rapidamente ed efficacemente lo sporco. I solfati si ottengono principalmente con mezzi sintetici. La sequenza di formazione dei solfati è approssimativamente la seguente: lo zolfo si ottiene da depositi di minerali di zolfo, durante la pulizia di gas naturali, gas di raffinazione del petrolio e altre industrie. Inoltre, ossidando lo zolfo (prima in anidride solforosa, poi in anidride solforosa), si ottiene acido solforico. E poi, per l'interazione dell'acido solforico con l'alcol e la successiva neutralizzazione, i sali medi dell'acido solforico H2COSÌ4 - solfati. Alcuni solfati, come il sodio cocco solfato, vengono estratti da una miscela di oli vegetali (cocco, palmisto) acidi grassi.

I solfati, pronti per la vendita, sono venduti come etere, pasta o polvere. Venduto in sacchetti o barili. Forse i paesi più attivi che producono agenti schiumogeni sono Cina, Italia e Germania. Basta andare su www.alibaba.com (non come pubblicità) e scoprirai che il prezzo medio di un sacchetto di sodio lauril solfato è di 450 rubli. per kg. Considerando che i grandi produttori di cosmetici acquistano solfati in grandi volumi, il costo del componente principale dello shampoo è molto basso all'uscita. Si scopre che l'uso nella produzione di solfati è più redditizio rispetto all'uso di tensioattivi privi di solfati, che sono molto più costosi sul mercato..

Tipi di solfati

Esistono diversi tipi di solfati, da aggressivi e tossici a lievi, che possono essere utilizzati anche sulla pelle dei bambini..

Solfati tossici comuni:

    • (ALS) L'ammonio lauril solfato (lauril ammonio solfato) è un agente cancerogeno aggressivo che penetra facilmente nel corpo attraverso la pelle. Può causare irritazione;
    • (SLS) Il sodio lauril solfato è molto più sicuro della SLA, ma comunque aggressivo. A contatto prolungato con il cuoio capelluto, oltre che in alta concentrazione, provoca secchezza cutanea, desquamazione e bruciore;
    • (SLES) Sodium Laureth Sulfate è meno irritante per la pelle rispetto a SLS, ma può seccare la pelle. Reagisce con altri componenti e rappresenta una minaccia se accumulato nel corpo;
    • (ALES) Il solfato di ammonio laureth, a differenza di SLA e SLS, non è così tossico. Provoca la pelle secca e squamosa.

Tensioattivi meno tossici, ma ancora non del tutto sicuri:

      • Сocamidopropyl betaine (cocamidopropyl betaine),
      • Сocamidopropyl Hydroxysultaine (lauril sulfobetaina),
      • Decyl Glucoside (decyl glucoside),
      • Cocoamphodiacetate disodico (cocoamphodiacetate disodio),
      • Lauril glucoside (lauril glucoside),
      • Magnesio lauril solfato (magnesio lauril solfato),
      • Solfato di magnesio laureth,
      • Polyglyceryl-3 palmitato (polyglyceryl-3 palmitato),
      • Sodio Laurel Sulfoacetate (sodio lauril sulfoacetato),
      • Sodium Coco Sulfate (sodio cocco),
      • Sodio Cocoyl Gglutamate (sodio cocoyl glutammato),
      • Saccarosio Laurate (saccarosio laurato),
      • Trietanolammina lauril solfato (trietanolammina lauril solfato).

Componente sicuro contenente solfati:

      • Disodium Lauret Sulfosuccinate (disodium laureth sulfosuccinate) - a differenza di altri solfati, questa è una molecola più grande, quindi è praticamente incapace di penetrare nella pelle. Parte di shampoo per neonati e delicati, nonché prodotti per la cura personale.

Il danno dei solfati

Naturalmente, i solfati hanno il merito principale e molto importante in cosmetologia: una pulizia efficace. Per la rimozione di smalti, gel e mousse di lunga durata, per un volume o una levigatezza istantanei, alternative non sono facili da trovare. Tuttavia, bilancia i benefici. I sali, che sono solfati, a volte causano forfora, secchezza, senso di oppressione, irritazione, prurito e arrossamento del cuoio capelluto, così come i capelli spaccati. E non è così. Pertanto, l'SLS comunemente riscontrato è un cancerogeno aggressivo e tossico. Secondo i risultati di studi scientifici, questo solfato (anche a bassa concentrazione) può penetrare in profondità nella pelle e provocare i seguenti effetti negativi:

  • grave irritazione cutanea, secchezza, desquamazione, prurito, elettrificazione, perdita di capelli, proprietà immunitarie compromesse dei tessuti superficiali, allergie;
  • in caso di contatto con gli occhi, impedisce il corretto sviluppo dei tessuti dell'apparato visivo nei bambini;
  • accumulandosi negli organi interni, porta al loro danno a lungo termine;
  • è in grado di modificare le informazioni genetiche delle cellule (spesso utilizzato nella ricerca clinica come stimolante per mutazioni batteriche);
  • è in grado di avere un effetto degenerante sulle membrane lipidiche delle cellule della pelle, lavando via completamente tutto il grasso. Di conseguenza, la pelle perde il suo strato lipidico protettivo e, adattandosi alle nuove condizioni, produce ancora più sebo per mantenere la funzione dei follicoli piliferi.

Insieme all'efficace pulizia dei capelli da grasso e siliconi, i solfati lavano anche coloranti, proteine ​​e cheratina, che non funzionano in alcun modo a favore del mantenimento dell'effetto delle procedure di laminazione, ripristino della cheratina, botox o colorazione..

Tipi di sostanze con una base detergente naturale sicura

I produttori di shampoo senza solfati stanno sostituendo i solfati con sostanze organiche sicure - ingredienti a base di erbe, che includono:

  • Betaina (betaina) - un componente naturale di origine naturale, che si trova in molte piante;
  • Coco Glucoside è un tensioattivo delicato derivato dalla polpa di cocco;
  • Cocoglucoside (cocoglucoside), derivato dal glucosio e dall'olio di cocco;
  • Cocamidopropyl (cocamidopropyl betaine) è anche formulato con olio di cocco;
  • Lauret Sulfosuccinate (laureth sulfosuccinate) si ottiene dal sale dell'acido succinico;
  • Lauril Glucoside (lauril glucoside) è derivato dal glucosio e dall'olio di cocco;
  • Potassium Cocoyl Glycinat (potassio cocoyl glucinate) o Sodium Cocoyl Glycinate (sodio cocoyl glucinate) - acidi grassi dell'olio di cocco;
  • Il sodio lauroil sarcosinato (sodio lauril sarcosinato) è derivato dalla sarcosina, un amminoacido naturale presente nella frutta e nella verdura.

La presenza di questi e altri agenti schiumogeni naturali negli shampoo non viola il pH naturale dell'ambiente del corpo, non secca o irrita la pelle e minimizza i rischi di forfora e caduta dei capelli. Inoltre, i componenti in schiuma senza solfati sono sicuri per la salute dei bambini, per chi soffre di allergie e per le persone con maggiore sensibilità del cuoio capelluto, nonché per l'igiene intima. Gli shampoo con una base detergente naturale non lavano via lo strato lipidico protettivo, quindi la testa ei capelli rimangono puliti più a lungo.

Caratteristiche del passaggio da solfati a shampoo senza solfati

Si prega di notare che gli shampoo che contengono basi detergenti naturali generalmente non fanno schiuma così intensamente come quelli solfati (il consumo di shampoo, a differenza del solfato, può raddoppiare). Ma questo non significa affatto che tali prodotti cosmetici puliscano i capelli peggio..

Tuttavia, il passaggio a shampoo senza solfati potrebbe non essere indolore per te (specialmente il primo mese di utilizzo). All'inizio potresti notare opacità e perdita di volume (lo shampoo naturale lava via tutti i siliconi responsabili degli "effetti visivi" sui capelli). In futuro, i capelli si "aggiusteranno" e inizieranno a sembrare normali. Grazie al ripristino dell'equilibrio idro-lipidico, non sarà necessario lavarsi spesso i capelli, cresceranno meglio e acquisiranno una naturale lucentezza sana.

Conclusione e raccomandazioni

Considerando tutte le conseguenze negative dell'uso dei solfati in cosmetologia, il capello si suggerisce: "perché i solfati non sono banditi?" Penso che ci siano due ragioni per questo. In primo luogo, come è risultato chiaro in precedenza, non è redditizio. In secondo luogo, per l'inclusione dei solfati nella "lista nera", sono necessarie prove su vasta scala e innegabili, nonché un'ampia pubblicità sui pericoli di questo prodotto..

Ognuno trae conclusioni per se stesso. Dubito che dopo aver letto questo articolo, inizierai a lavarti i capelli esclusivamente con decotti di erbe e radici. Forse passerai completamente a senza solfati? Sarebbe fantastico! Ma per coloro che sono ancora fedeli alla "SLS" o semplicemente non sono pronti a lavare la lacca ultra resistente con uno shampoo a bassa schiuma, ci sono alcuni consigli:

  • affinché l'effetto dei solfati rimanga nell'ambito di uno moderatamente aggressivo, lo shampoo deve entrare in contatto con la pelle per non più di 3-7 minuti;
  • gli shampoo al solfato devono essere accuratamente lavati via immediatamente dopo l'uso;
  • non trascurare la cura della testa complessa: molte marche di cosmetici moderni contengono componenti che neutralizzano le proprietà nocive dei solfati. A proposito, questo è uno dei motivi per cui vale la pena acquistare shampoo e balsamo (o balsamo) della stessa serie..

Tutta la verità su SLS e SLES: sodio lauril e laureth solfato

È probabile che tu abbia già sentito parlare molto di questi ingredienti dannosi nei cosmetici. E ho anche visto molti annunci di "shampoo senza solfati", "shampoo senza SLS". Il diavolo è spaventoso come è dipinto? Devo raccogliere tutti i barattoli SLS e metterli nella spazzatura?

Se non hai mai pensato alla composizione dei cosmetici acquistati, sono sicuro che il 98-100% dei tuoi shampoo, gel doccia, saponi liquidi e detergenti per il viso, oltre a una parte considerevole dei prodotti chimici domestici nella tua casa, contengono SLS e in grandi quantità. Per scoprirlo, guarda la composizione del barattolo sul retro. Molto spesso vedrai sodio lauril solfato o un nome simile come sodio laureth solfato nell'elenco dei primi cinque ingredienti nella composizione. Questi sono sodio lauril solfato e sodio lauril solfato. Ma per molti, potrebbe essere più facile percepire la traslitterazione dall'inglese: solfato di sodio invece di solfato di sodio, quindi lo chiameremo. E nella ricerca stanno cercando esattamente il solfato di sodio.

Scopriamolo:

  • Che tipo di animali sono questi, solfati di sodio
  • Come vengono utilizzati i sodio lauril e laureth solfati nell'industria e nei cosmetici
  • Quali danni ha la SLS sulla pelle e sul corpo in generale.
  • Sicuro lisodio laureth solfato (SLES) a differenza del sodio lauril solfato (SLS)?
  • Le nostre raccomandazioni e conclusioni sui cosmetici con SLS e SLES

Cos'è SLS - sodio lauril solfato e sodio laureth solfato

SLS e SLES - un gruppo di componenti chimici, tensioattivi economici, componenti aggressivi con forti proprietà detergenti, pulenti, schiumogeni, scioglienti e bagnanti. Utilizzato attivamente nei cosmetici.

Il più pericoloso del gruppo dei solfati:

  • sodio lauril (lauro) solfato (sodio lauril solfato) o sodio lauril solfato. Altri nomi: sodio dodecil solfato, sodio PEG lauril solfato, monododecil estere, sodio PEG lauril etere solfato. È un prodotto raffinato che è spesso camuffato da "derivato dall'olio di cocco" o "dalle noci di cocco".
  • lauril solfato di ammonio - ALS (lauril solfato di ammonio) e laureth solfato di ammonio - ALES (laureth solfato di ammonio)

Si tratta di sali di sodio dell'acido laurilsolfonico, componenti molto economici, pericolosi e caustici. Forse uno dei componenti più pericolosi dei cosmetici, che influisce in modo aggressivo sulla pelle e sulla salute in generale.

A proposito di sodio laureth solfato (SLES), un analogo del sodio lauril solfato (SLS), parleremo un po 'di seguito.
Altri componenti simili possono essere chiamati sodio miret solfato (SMS), sodio miristil etere solfato (SMES). In generale, questo può includere quasi tutti i tensioattivi che terminano con la parola "solfato".

Dove si applicano SLS e SLES

L'uso di sodio lauril solfato e sodio lauril solfato nei cosmetici:

  • Schiume e gel per il lavaggio
  • Struccante
  • Shampoo (circa il 90% di tutti gli shampoo contengono SLS e SLES)
  • Sapone liquido
  • Gel doccia
  • Schiuma da bagno
  • Dentifrici
  • Prodotti per l'igiene intima
  • Altri prodotti

Questi componenti sono molto economici e vengono utilizzati nei cosmetici molto spesso e in grandi quantità. I prodotti con solfati detergono perfettamente la pelle e i capelli, lavando via lo sporco e le secrezioni delle ghiandole sebacee e sudoripare. Ma cosa fanno oltre alla pulizia?

Prestare attenzione all'uso di SLS nell'industria:

  • Detergenti per la casa (lavastoviglie, pulizia dei pavimenti, detergenti multiuso)
  • Detergenti industriali (per il lavaggio di pavimenti, per il lavaggio di automobili, ecc.)
  • Sgrassanti (per motori e superfici varie)

L'uso dei solfati nella scienza e nella medicina:
SLS viene utilizzato in molte cliniche in tutto il mondo per irritare la pelle dei soggetti del test. Quindi gli scienziati rimuovono l'irritazione sulle aree della pelle danneggiate con vari farmaci, analizzando la loro efficacia.

Il danno di SLS (sodio lauril solfato) a cui sei esposto quando usi cosmetici e prodotti chimici domestici con questo componente

Ricerche di vari scienziati, incl. presso il Medical College of Georgia State University ha mostrato le seguenti caratteristiche e danni del sodio lauril solfato:

  • SLS pulisce le superfici per ossidazione, incl. pelle, lasciando una pellicola su di essa. Questo film può irritare la pelle, provocare prurito, desquamazione, arrossamento, prurito, allergie e, con un uso prolungato, malattie della pelle. SLS distrugge le difese idrolipidiche della pelle, reagisce con e degenera i lipidi cutanei.
  • SLS secca i capelli, provoca secchezza, fragilità e doppie punte, può contribuire alla caduta dei capelli e alle malattie della forfora e del cuoio capelluto.
  • SLS rende i capelli grassi alla radice, rende necessario lavare i capelli più spesso. È semplice: un forte sgrassaggio del cuoio capelluto stimola il lavoro attivo delle ghiandole sebacee.
  • SLS penetra attraverso la pelle nei tessuti e negli organi, incl. negli occhi, nel fegato, nei reni, nel cuore, nel cervello, rimane lì e si accumula, aumentando gradualmente la sua concentrazione. La SLS può alterare la composizione proteica delle cellule, specialmente nei bambini, causando una varietà di malattie come la cataratta. Può causare mutazioni cellulari e danneggiare il sistema immunitario
  • I solfati reagiscono con molti componenti dei cosmetici, formando nitrosammine (nitrati) e diossine cancerogene. Penetrano anche nella pelle e poi nel sangue.
  • Praticamente non escreto dal corpo dal fegato

Esiste anche un analogo del sodio laureth solfato (SLES) - sodio laureth solfato o (come viene spesso chiamato) sodio laureth / laureate solfato. Crea molta schiuma una volta lavato e dà l'illusione di uno shampoo o gel doccia denso, concentrato e costoso..
Secondo gli esperti di The Cosmetic Ingredient Review (CIR) nel 1983, è un ingrediente innocuo. Tuttavia, molti altri scienziati, sulla base dei loro studi, hanno concluso che il sodio laureth solfato può irritare e sfaldare la pelle, distruggere i follicoli piliferi e causare la caduta dei capelli. Penetra molto rapidamente e facilmente nella pelle e si accumula anche nel corpo. SLES è meno irritante per la pelle rispetto a SLS, ma può essere molto secco. In reazione con altri componenti, può anche formare diossine e nitrati, che causano la formazione di cellule cancerose.

C'erano molti altri studi simili, incl. puoi trovare queste informazioni di professori e dottorandi come Samuel S. Epstein dell'Università di Chicago (la School of Public Health) o Doris J. Rapp, in pubblicazioni scientifiche come Healthy Beauty e The Safe Shoppers Bible, "Glossario di sostanze chimiche e sintetici da evitare nei prodotti per la cura della persona", da organizzazioni scientifiche come Health Care Without Harm, Natural Skincare Authority, ecc..

Conclusioni: se utilizzare o meno cosmetici con SLS e SLES solfati

  1. Sicuramente, i cosmetici con solfati non possono essere utilizzati da persone con pelle sensibile e allergica, malattie della pelle e bambini. Purtroppo le iscrizioni sul barattolo "per bambini", "approvato per bambini", "per bambini" non garantiscono l'assenza di queste sostanze nocive e pericolose. Anche marchi noti come il tedesco Bubchen. In effetti, la maggior parte dei cosiddetti cosmetici per bambini non differiscono molto nella composizione da quelli "per adulti"...
  2. Evita assolutamente di usare cosmetici contenenti sodio lauril solfato o ammonio lauril solfato. Anche una sola applicazione può danneggiare la pelle e gli organi interni, soprattutto nei bambini.
  3. È improbabile che un uso singolo e molto raro di sodio laureth solfato (sodio laureth solfato, un solfato meno pericoloso) per risciacquare rapidamente possa influenzare te o la tua pelle. Tuttavia, il più delle volte è l'uso quotidiano costante che può essere osservato: ogni giorno sapone liquido, gel doccia, shampoo, detersivo per piatti. Ciò può già causare seri problemi nel tempo, nonostante anche basse concentrazioni di SLS in ogni prodotto..
  4. I solfati sono particolarmente pericolosi nella composizione di creme e altri cosmetici, che rimangono a lungo sulla pelle, così come nei prodotti per lavare e rimuovere il trucco, perché molte persone usano prodotti per il viso per rimuovere il trucco degli occhi.
  5. Evita di usare shampoo al solfato per trattare la forfora, il prurito e la desquamazione, se ti senti eccitato. Dopotutto, questi stessi shampoo possono provocare queste conseguenze. Sfortunatamente, ci sono la maggior parte di questi shampoo. Componenti utili curano il cuoio capelluto e i solfati irritano di nuovo. Si scopre un circolo vizioso.
  6. I solfati danno una schiuma generosa, motivo per cui shampoo, gel, saponi e bagnoschiuma al solfato si schiumano così bene rispetto a quelli biologici. Ricorda gli shampoo dell'infanzia, si schiumavano tutti male, ma non ti asciugavano i capelli e non dovevi lavarti i capelli così spesso come nel mondo moderno.

Non puoi nemmeno immaginare quante persone soffrono di malattie della pelle, quante persone semplicemente non possono lavarsi sotto la doccia. La pelle ha sofferto così tanto dall'uso di tutti questi prodotti che anche l'acqua del rubinetto è già irritante. Sfortunatamente, le malattie della pelle compaiono sempre più nei bambini piccoli. Dopotutto, la loro pelle è torturata dalla nascita con tutti i tipi di chimica, incl. cosiddetti mezzi "bambini".

Non credete alle pubblicità e alle etichette con dichiarazioni ad alta voce "no SLS", "no solfates". Questo non è sempre vero, e se è vero, allora una chimica può essere sostituita da un'altra. Parleremo di altri tensioattivi, analoghi meno dannosi di SLS, in un altro articolo..

La composizione completa non è sempre indicata sul tubo, vengono scritti solo i componenti attivi. E l'intera composizione rimane sulla confezione di carta. Spesso lo nascondono ancora sotto una doppia etichetta adesiva, scrivono in caratteri molto piccoli, distinguibili solo con una lente d'ingrandimento, e lo incollano sopra con altre etichette..

Leggi la composizione quando scegli cosmetici, studia componenti utili e dannosi. Questo è l'unico modo per proteggere la tua pelle e la tua salute..

La tua scelta

Scrivi nei commenti se leggi le etichette con la composizione, come ti senti riguardo a SLS e SLES nella composizione, se preferisci shampoo senza solfati, se usi gel doccia solfato e sapone liquido. Condividi la tua opinione!

Cosa sono gli shampoo senza solfati e vale la pena acquistarli

Sono molto più costosi, ma la spesa non è sempre giustificata.

Cosa sono gli shampoo senza solfati

I solfati sono sali di acido solforico. Vengono aggiunti a detergenti, shampoo e persino dentifricio come tensioattivi..

Le molecole di tali sostanze respingono in parte l'acqua ("coda" idrofobica) e in parte si legano con l'acqua ("testa" idrofila). Quando lo shampoo viene applicato sui capelli, le code idrofobe delle molecole si combinano con il sebo per formare palline di micelle. Lo strato esterno di una tale palla si lega all'acqua ed è facilmente lavabile via insieme a grasso e sporco..

A causa dei solfati, lo shampoo forma una schiuma rigogliosa e pulisce bene da sebo, particelle di pelle morta e altre impurità.

Molto spesso, negli shampoo vengono utilizzati tre tipi di tensioattivi solfati:

  • sodio lauril solfato (SLS);
  • sodio laureth solfato (SLES);
  • lauril solfato di ammonio (ALS).

Gli shampoo senza solfati, come suggerisce il nome, non contengono i suddetti tensioattivi solfati.

Gli shampoo ai solfati sono pericolosi per i capelli e la salute in generale?

Gli shampoo senza solfati sono posizionati come "senza sostanze nocive". Scopriamo se vale davvero la pena temere i solfati.

I solfati provocano il cancro

In precedenza, queste sostanze erano sospettate di cancerogenicità - la capacità di provocare il cancro, ma queste disposizioni sono state confutate. L'American Council on Personal Care Products Cosmetic Ingredient Review (CIR) ha riconosciuto SLS SLS, SLES e ALS come sicuri per l'esposizione a breve termine sulla pelle e risciacquare con acqua.

Sodio laurilsolfato negato, ammonio e potassio: valutazione della salute umana di livello II degli effetti cancerogeni e organizzazione per la valutazione delle sostanze chimiche industriali del governo australiano. Ha anche concluso che il sodio lauril solfato non influisce sulla funzione riproduttiva e sullo sviluppo umano..

I solfati sono dannosi per il cuoio capelluto

SLS e SLA possono irritare e seccare la pelle con sodio, ammonio e potassio laurilsolfato: valutazione della salute umana di livello II, ma ciò richiede alte concentrazioni ed esposizione a lungo termine. Ad esempio, quando il 25% di SLS è stato applicato sulla pelle dei conigli, l'irritazione non si è sviluppata fino a 4 ore dopo. Negli esseri umani, sono comparsi effetti negativi dopo un test di applicazione con il 2% di sodio laurilsolfato. Durante tale studio, la sostanza rimane sulla pelle per 24-48 ore.

SLES - Sodio più lieve e laureth solfato di ammonio: tensioattivo per la valutazione della salute umana di livello II. Può anche irritare la pelle e le mucose, ma in misura minore rispetto a SLS. Gli effetti avversi si verificano al 18% di concentrazione e all'esposizione cutanea per 24 ore. Inoltre, il sodio laureth solfato non secca la pelle.

Quando si lavano i capelli, lo shampoo è a contatto con la pelle per un tempo troppo breve per essere danneggiato.

Pertanto, i solfati dovrebbero essere temuti solo per le persone con pelle sensibile, allergie o malattie della pelle Dovresti evitare shampoo con solfati? : rosacea, eczema e dermatite da contatto.

I solfati possono danneggiare la struttura dei capelli

Se i capelli sono sani, i solfati non penetrano Effetto di shampoo, balsamo e ondulazione permanente sulla struttura molecolare dei capelli umani nella corteccia - lo strato interno dei capelli. Il loro effetto è limitato alla cuticola: le squame esterne, disposte come una piastrella. Lo shampoo rimuoverà semplicemente il sebo in eccesso con lo sporco e laverà via in sicurezza.

Tuttavia, se i capelli sono secchi e deboli, ad esempio, dopo una permanente o una schiaritura, lo shampoo al solfato può “Superare l'hype: il dermatologo districa i comuni malintesi sulla cura dei capelli” danneggiarli ancora di più: rompere la cuticola "arruffata" e penetrare nei capelli. Inoltre, i ricci secchi a volte sono gravemente influenzati dalla completa rimozione del sebo - sebo, che protegge i capelli dall'ambiente esterno.

È vero che i solfati provocano l'effetto crespo dei capelli

I tensioattivi solfati sono anionici. Ciò significa che nell'acqua si decompongono in ioni caricati negativamente. Dopo il lavaggio, sui capelli rimane una carica negativa, quindi si respingono a vicenda e l'acconciatura si arriccia.

Tuttavia, oltre ai tensioattivi anionici, gli shampoo al solfato possono contenere cationici (con una carica positiva), anfoteri (possono essere positivi o negativi, a seconda dell'ambiente pH) e non ionici (non si decompongono in ioni e non trasportano una carica). Tali sostanze neutralizzano la carica negativa.

L'effetto dei capelli morbidi dipende dalla formula specifica dello shampoo e non dalla presenza di solfati in esso.

I solfati fanno davvero sembrare i capelli opachi e opachi?

I capelli sono arruffati, pettinati male e appaiono spenti a causa della stessa cuticola "arruffata". Quando le squame si adattano perfettamente alla corteccia, i ricci sono lisci, riflettono bene la luce e quindi brillano. Se la cuticola si alza, i peli si attaccano l'uno all'altro..

Lo shampoo con solfati non danneggerà i capelli sani e la loro assenza non curerà i capelli danneggiati.

L'unica cosa che può aiutare sono gli agenti condizionanti nel prodotto. Il produttore può aggiungere shampoo e balsami: cosa dovrebbe sapere un dermatologo? nello shampoo seta idrolizzata o proteine ​​animali, glicerina, dimeticone, polivinilpirrolidone, glicole propilenico e altre sostanze che avvolgono i capelli, rendendoli lisci brillante.

Se lo shampoo senza solfati contiene solo detergenti delicati e vari estratti naturali, ciò non aiuterà i capelli danneggiati a sembrare sani e pettinarsi bene..

È vero che i solfati causano i capelli grassi?

La velocità con cui viene prodotto il sebo dipende dalle caratteristiche delle ghiandole, degli ormoni e dalla dieta dei lipidi delle ghiandole sebacee. Non ci sono prove dalla secrezione sebacea sulla testa umana che l'esposizione al solfato aumenti la produzione di sebo.

I solfati eliminano la vernice e la cheratina

Oltre al sebo, si ritiene che gli shampoo al solfato rimuovano rapidamente la tintura e la cheratina dai capelli..

Superare l'hype: il dermatologo districa le idee sbagliate comuni sulla cura dei capelli non ha prove scientifiche. Tuttavia, dopo la stiratura della cheratina, i parrucchieri consigliano vivamente di lavare i capelli solo con shampoo senza solfati..

Cosa sostituisce i tensioattivi solfati negli shampoo senza solfati

Aggiungi a shampoo senza solfati:

  • tensioattivi anionici delicati: sodio laureth-5 carbossilato Una nuova formula per un detergente delicato per il corpo: sodio laureth solfato integrato con sodio laureth carbossilato e lauril glucoside, disodio laureth sulfosuccinato, sodio lauril sarcosinato, lauril sarcosina;
  • tensioattivi cationici: trimetilalchilammonio cloruro, benzalconio cloruro, ioni alchilpiridinio, cetiltrimetilammonio cloruro;
  • tensioattivi anfoteri: alchilimminopropionati, betaine, ad esempio cocamidopropil betaina, sodio lauraminopropionato;
  • tensioattivi non ionici: cocco glucoside, lauril glucoside, decil glucoside, alcoli grassi, alcol cetilico, alcol stearilico, alcol cetostearilico, alcol oleilico, alcoli grassi poliossietilenici, esteri di poliossietilene sorbitolo, alcanolammidi.

Tipicamente, allo shampoo vengono aggiunti due o tre tensioattivi, ad esempio due anionici (per schiumare e una buona pulizia) e uno cationico o non ionico (per ammorbidire la composizione e rimuovere la carica negativa).

Esistono anche shampoo senza tensioattivi anionici. Sono il più morbidi possibile, adatti a bambini e persone con pelle molto sensibile. Tuttavia, tali formulazioni non sopportano bene il grasso e lo sporco..

Chi dovrebbe acquistare shampoo senza solfati

Dovresti prestare loro attenzione se:

  • hai i capelli secchi, fragili e danneggiati, e hai paura di rovinarli ancora di più;
  • hai la pelle sensibile soggetta a irritazioni o condizioni del cuoio capelluto.

Gli shampoo senza solfati costano almeno il doppio del prezzo dei prodotti con tensioattivi solfati. Allo stesso tempo, non trattano affatto i capelli e, in assenza di balsami, non migliorano il loro aspetto..

Tensioattivi, additivi, solfati e varie basi per shampoo: tutto ciò che devi sapere sui pericoli e sui benefici

Naturalmente, non dimenticare che il più delle volte la reazione del tuo corpo a ogni specifico tensioattivo può spesso differire dalla mia o generalmente riconosciuta. Ti esorto a ricordare semplicemente queste informazioni e non calpestare lo stesso rastrello molte, molte volte, leggere la composizione ogni volta e osservare la reazione della pelle a ogni specifico tensioattivo o alla loro combinazione. Alcune delle informazioni verranno duplicate dall'articolo precedente per raccogliere tutto per comodità in un unico posto..

Per elaborare da soli i tensioattivi e trovare quello più adatto, ti consiglio di verificarlo su http://www.goodguide.com/

Questo sito ha un ampio database di cosmetici e componenti, quando il componente viene introdotto, ti mostreranno se tutti i test di sicurezza sono stati superati, in quali cosmetici questo componente è più spesso utilizzato.

Inoltre, su iherb.com, puoi inserire nella barra di ricerca il componente che ti interessa e scoprire cosa significa che contiene.

Se parliamo dei tensioattivi più diffusi, puoi fare un piccolo elenco, aggiungerò tutto ciò che abbiamo provato e quelli che ci sono piaciuti, evidenzierò in grassetto, e cosa non mi è piaciuto - in corsivo: SLS (sodium laureth and lauryl sulfate), TEM laureth e lauryl sulfate, amonium laureth e lauryl sulfate, magnesium laureth sulfate, coco-glucoside, cocoamidopropyl betaine, decyl glucoside, lauramidopropyl betaine, C12-14 olefin sulfonate.

Quindi passiamo alle descrizioni con i miei commenti..

Il sodio lauril solfato (SLS) o il dodecil solfato di sodio o il cocco-solfato di sodio è un detergente economico, tensioattivo anionico derivato dall'olio di cocco, ampiamente utilizzato in detergenti cosmetici, shampoo, gel da bagno e doccia, agenti schiumogeni, ecc..

Sodium Laureth Sulfate (SLES) è un ingrediente simile a SLS (catena estere aggiunta). L'ingrediente numero uno in detergenti e shampoo. È molto economico e si addensa quando viene aggiunto il sale. Forma molta schiuma. Usato come agente bagnante nell'industria tessile.

TEA Layril Sulfate (Triethanolamine Lauryl Sulphate) - Tensioattivo anionico di largo uso, TEA (Triethanolamine), così come altri: Cocamide DEA, DEA-Cetyl phosphate, DEA Oleth-3 phosphate, Myristamide DEA, Stearamide MEA, Cocamide MEA, Lauramide DEA MEA, Oleamide DEA, TEA-Lauryl Sulfate - Tensioattivi anionici, usati come emulsionanti e agenti schiumogeni in lozioni detergenti per il viso, shampoo, lozioni per il corpo e da bagno, saponi, ecc. Le etanolamine irritano gli occhi, la pelle e le mucose e causano dermatiti. La dietanolamina penetra facilmente nella pelle e si deposita in vari organi. Test su animali hanno dimostrato che questa sostanza può essere tossica per i reni, il fegato, il cervello, il midollo spinale, il midollo osseo e la pelle. Queste sostanze sono cancerogene.

Questo gruppo è considerato un sostituto di "qualità" migliore per gli SL, li ha incontrati anche in un ambiente naturale (ad esempio, Natura House). Forse è così, ma personalmente la mia testa dice il contrario, si irrita e perde i capelli.

L'ammonio lauril solfato è un detergente sintetico. Sostanza tensioattiva. Contrassegnato con un segno "Pericoloso".

Ammonium Laureth Sulfate è un detergente sintetico. Sostanza tensioattiva. Contrassegnato con un segno "Pericoloso".

Questi due ammoniaca per molti e la mia testa è decisamente solo morte. Un esempio è lo shampoo JungleFever, che una volta veniva prescritto come trattamento per una nostra cliente (.), Applicato diluito sul cuoio capelluto per mezz'ora (.). Nonostante la cliente pensasse "non osare farlo", l'anima ha creduto e in due settimane ha raggiunto una terribile irritazione con ulcere sulla superficie della testa, prurito e perdita di 150 capelli per ogni lavaggio. Mi ci è voluto un mese e mezzo per rimetterle la testa. Altri esempi su questa base sono Loreal Elseve (non posso dire tutto o solo alcuni), Lush - alcuni shampoo liquidi, ad esempio Beer for Cynthia.

Magnesium Laureth Sulfate è un tensioattivo con proprietà detergenti. Tensioattivo delicato, non irritante per la pelle e gli occhi, ampiamente utilizzato nei prodotti per l'igiene intima.

Abbiamo utilizzato molti prodotti (ad esempio, la serie per bambini della First Solution o una maschera per il cuoio capelluto di Daniel Zhuvans), è davvero molto più morbido di SLS, ma molti non sono riusciti a risolvere completamente i loro problemi con esso, questi sono solo i primi passi per il recupero

Cocoamidopropyl Betaine è un co-tensioattivo delicato compatibile con tensioattivi anionici / cationici / non ionici. I tensioattivi ausiliari includono sostanze anfotere, non ioniche e cationiche. Sono necessari nelle formulazioni di shampoo per aumentare la compatibilità dei tensioattivi basici (anionici) con pelle e capelli, aumentare le proprietà schiumogene, regolare la viscosità e ridurre l'effetto sgrassante. Votato nel 2004 dall'American Contact Dermatitis Society come prodotto a basso contenuto allergenico. In alcune fonti è contrassegnato con un segno "pericoloso", dice che irrita le mucose (ad esempio, se entra negli occhi)

Mi fido di questa base. Su di esso è stata realizzata una serie di shampoo Crown of Siberia, che si sono rivelati ottimi, non hanno fatto cadere un solo capello durante il lavaggio e hanno trattato bene i capelli stessi..

Cocamidopropyl hydroxysultaine - si trovava in tutti i tipi di detergenti, ma non ho trovato una descrizione chiara, ma non la ricordo all'università.

Cocoamidopropyl Amine Oxide - Progettato per l'uso nell'industria cosmetica nella produzione di shampoo, bagnoschiuma, nonché nella produzione di prodotti chimici domestici, agenti estinguenti, cosmetici per auto, detergenti tecnici, ecc. Gli ossidi di ammina terziaria sono tensioattivi non ionici con proprietà cationiche deboli in ambienti acidi. I prodotti sono forti emulsionanti, agenti schiumogeni e stabilizzatori di schiuma, nonché un componente addensante in detergenti alcalini, ipocloriti e acidi, utilizzati come detergenti e attivatori antistatici.

L'olefina solfonata C12-14 è un detergente tensioattivo sintetico spesso indicato come "derivato dal cocco". Utilizzato per detergere la pelle e i capelli e anche come emulsionante (gli emulsionanti aiutano a creare emulsioni a base di liquidi normalmente immiscibili, come acqua e olio).

La lauramidopropil betaina è un tensioattivo delicato compatibile con altri tensioattivi. Possiede buone caratteristiche di ispessimento e schiumosità. Consigliato per l'uso in shampoo, gel doccia, saponi liquidi, detergenti per il viso, cosmetici per bambini.

I due tensioattivi di cui sopra sono la base di uno degli shampoo testati: Giovanni, Magnetic Energizing Shampoo. Nonostante non sia stato trovato nulla di particolarmente lusinghiero su questi due componenti, funzionano benissimo sul mio cuoio capelluto, non irritano e questo shampoo ha aiutato a ripristinare l'equilibrio del cuoio capelluto della stessa cliente dopo JungleFever e ridurre la caduta dei capelli a 5-7 pezzi.

Decyl Glucoside o decyl polyglucose - Un tensioattivo non ionico delicato composto da zuccheri (glucosio) derivati ​​dall'amido di mais e acidi grassi (decanolo - alcol decilico) di cocco.

Mi fido anche di questa base di pulizia. In primo luogo, ho esperienza di comunicazione con lei, i miei capelli non cadono dagli shampoo basati su di esso e, in secondo luogo, ci sono alcuni shampoo Aubrey Organics, e mi fido di questo marchio più di me stesso, uno dei pochi.

Coco Glucoside - Un morbido agente schiumogeno ottenuto dalla polpa di cocco essiccata e dallo zucchero della frutta. Usato come agente schiumogeno, balsamo ed emulsionante. Conferisce ai prodotti cosmetici una capacità schiumogena, fornisce proprietà detergenti delicate, aiuta a sciogliere lo sporco e il sebo. Questo favorisce una migliore penetrazione nella pelle dei componenti idratanti contenuti nel prodotto. Nei prodotti per capelli: leviga la struttura dei capelli, aggiunge volume.

Ovunque scrivano che il cocco-glucoside è il più popolare dei tensioattivi morbidi, è vero, quando tutti hanno iniziato ad allontanarsi da SLS, c'erano prodotti con Coco-Glucoside. Come si è scoperto, per molti è anche peggio di SLS. Perché non lo so. Personalmente lo evito proprio come i solfati classici..

Lauryl Glucoside - Sintetizzato da materie prime naturali durante la rettifica dei grassi vegetali (olio di cocco e glucosio). Nei prodotti cosmetici agisce come emulsionante, disperdente, schiumogeno naturale, aumenta la viscosità della consistenza. Ha un delicato effetto detergente e viene utilizzato nei prodotti per l'infanzia e nei prodotti per l'igiene intima. Ha proprietà tensioattive: scompone i grassi con impurità sulla superficie della pelle, dopo di che vengono facilmente rimossi dalla pelle o dai capelli. In gel, creme, deterge, ammorbidisce la pelle, shampoo fornisce un leggero effetto condizionante, facilita il successivo acconciatura.

Accoppiato con questo tensioattivo nello shampoo alla rosa Lavera che ho testato, c'erano anche cocco-glucoside e sodio cocco-solfato (cioè sls). Purtroppo non l'ho mai incontrato nella sua forma pura e non posso dire con certezza della sua azione..

Sodio lauril glucosio carbossilato - Lauril glucoside carbossilasi Alternativa naturale ai tensioattivi aggressivi. Un agente schiumogeno naturale molto delicato che crea una consistenza del prodotto uniforme, ottenuta dalla reazione di cocco e olio di palma con zucchero e amido. In cosmesi, viene solitamente utilizzato nei prodotti per il lavaggio e la pulizia della pelle, negli shampoo per capelli. Non sono state riscontrate reazioni negative e allergiche durante l'utilizzo di questa sostanza..

Questa base è contenuta in alcuni shampoo Giovanni, ad esempio Smooth as silk, Tea Tree Triple Treat e 50:50, ma ovunque va in aggiunta al tensioattivo dal quarto al quinto (a bassa concentrazione) del set.

Il sodio miret solfato e il sodio miristil etere solfato è una miscela di composti organici utilizzati come componente di detergenti con proprietà tensioattive. Molto simile a SLS. Moderatamente pericoloso

Ho visto una base del genere in molti shampoo, anche con Ayherba, non credo che sia necessario eguagliarla, ti consiglio di evitarla.

Tartrato di cocopoliglucoside di sodio - visto principalmente negli shampoo per cani

Sodio Cocoamphoacetate - Tensioattivo anfotero, tensioattivo che aumenta la formazione di schiuma, ha un delicato effetto detergente in shampoo delicati, gel doccia. Una soluzione acquosa di un tensioattivo anfotero derivato dagli acidi grassi dell'olio di cocco. Tensioattivo anfotero altamente puro, compatibile con ingredienti anionici, cationici (additivi condizionanti e battericidi) e non ionici, stabile in un ampio intervallo di pH. Proprietà principali: buona capacità di schiumatura, indipendentemente dal grado di durezza dell'acqua e dalle variazioni di pH; alta efficienza anche in presenza di ingredienti cosmetici super grassi; ottima azione pulente. Consigliato per l'uso in combinazione con alchil solfati etossilati; negli shampoo delicati e non irritanti per bambini e adulti crea piacevoli sensazioni sensoriali, facilita l'acconciatura dei capelli bagnati e asciutti e non necessita di molti additivi condizionanti;

Questa base è stata trovata anche in tutti gli shampoo di Giovanni e nei loro prodotti 3 in 1, da qualche parte al primo posto nella lista, da qualche parte al terzo o quarto..

Sodio Cocoyl Taurate - Buone proprietà schiumogene, usato come tensioattivo anionico delicato e disperdente nella produzione di dentifrici per denti sensibili e prodotti per l'igiene orale. È caratterizzato da un'elevata capacità schiumogena. Utilizzato in shampoo liquidi e cremosi, preparati per la doccia, lozioni detergenti. La presenza di elettroliti non influisce in modo significativo sulla stabilità della schiuma, che ha portato all'uso di taurati di sodio nella composizione dei dentifrici.

Come indicato nella descrizione, si tratta principalmente di tensioattivi per dentifrici e polveri per denti, ma alcuni marchi realizzano shampoo con lavaggi sulla base, ad esempio MyChelle.

Sodio Cocoyl Glycinate - Un tensioattivo delicato utilizzato nella formulazione di detergenti delicati per il viso, lozioni e creme. Non lascia alcun effetto tensore dopo l'applicazione del detergente sulla pelle.

Abbiamo notato questo tensioattivo nei prodotti per capelli Logona, ma su Ayherbe non c'è praticamente nulla con questo componente..

Sodio Cocoyl Isethionate - Un tensioattivo delicato che produce una schiuma densa e stabile. Caratteristiche: delicato sulla pelle e sugli occhi, ottimo agente schiumogeno in acque dure e dolci, biodegradabile. Ideale per saponi detergenti solidi e shampoo, gel doccia e lozioni torbidi o perlescenti. Esistono prove che non possono essere considerate sicure, poiché più della metà dei test di tossicità richiesti non sono stati effettuati.

L'esempio più vicino è Jason Anti-Dandruff Shampoo. Non mi sono lavato la testa, mi sono rifiutato di lavarmi i capelli da solo e ho causato prurito. Troppo delicato per essere una base per shampoo autonoma, sospetto. Su Herb, con questo tensioattivo, ci sono principalmente scrub corpo e bagnoschiuma.

Sodio Cocoyl Glutammato - Sodio Cocoyl Glutammato Un tensioattivo che è un composto di acido glutammico. In cosmetologia è usato come agente schiumogeno, detergente delicato, emulsionante. Ha proprietà antiossidanti. Spesso utilizzato in detergenti e shampoo per capelli, rende la pelle morbida, idratata e ha un effetto condizionante.

Disponibile in molti shampoo Logona come supplemento al cocco-glucoside.

Sodio lauroil sarcosinato - Sodio lauril sarcosinato. Derivato dalla sarcosina, un amminoacido naturale che si trova nella frutta e nella verdura. Nei cosmetici, è spesso usato come agente schiumogeno delicato, tensioattivo, balsamo. Un detergente delicato che è sicuro per la pelle mentre rimuove efficacemente sporco, batteri e sebo. Non irrita nemmeno la pelle sensibile. In cosmetica è ben assorbito e favorisce la penetrazione nella pelle di altre sostanze in esso contenute, in particolare le vitamine A e C.Utilizzato per la cura dei capelli, restituisce vitalità e luminosità ad esso, detergendo delicatamente e migliorandone la struttura.

La base di tanti liquidi per piatti "morbidi" e naturali, i dentifrici, completa l'elenco del complesso tensioattivo negli shampoo Avalon Organics.

Sodio lauril sulfoacetato - Principio attivo del ceppo anionico derivato dall'olio di cocco. Non contiene solfato, che viene sostituito da un gruppo sulfoacetato. Ha un pH stabile, biodegradabile, ugualmente efficace con qualsiasi durezza dell'acqua. Può essere utilizzato in alte concentrazioni senza causare irritazione.

Molti prodotti Alba Botanica, Jason contengono questo tensioattivo e va al 1 ° o 2 ° posto.

Sodio lauril glucosio carbossilato - spesso presente in prodotti per il corpo, capelli, lavaggi, cosmetici per bambini, ma non è nemmeno riuscito a trovare una descrizione.

Sodio isostearoil lattilato - Si trova solo negli shampoo naturali per cani e cavalli, in quelli umani - no :) NON LAVARE CON SHAMPOO PER CAVALLI!

Sodio pareth solfato - può essere trovato nei prodotti per il lavaggio delle mani e del corpo, ma non è ampiamente utilizzato
Disodium Laureth Sulfosuccinate è un tensioattivo con un lieve effetto dermatologico, destinato ai cosmetici schiumogeni per bambini e ai detergenti per uso quotidiano. Un prodotto versatile per la produzione di prodotti cosmetici, che unisce elevate proprietà dermatologiche ad un'ottima schiumosità. L'eccezionale morbidezza verso la pelle e le mucose degli occhi rende questo prodotto ideale per la realizzazione di prodotti "morbidi".

Macchiato in saponi liquidi, gel doccia e alcuni gel detergenti. Mi piace anche questo tensioattivo. Viene prima di SLS nell'unico shampoo al solfato che non mi fa cadere i capelli durante il lavaggio - Lakme per cuoio capelluto sensibile.

Lauroanfodiacetato disodico è un tensioattivo delicato con buone caratteristiche addensanti e peo-formanti. Adatto per pelli sensibili.

Il disodio Cocoamphodiacetate è un tensioattivo delicato. Buone proprietà schiumogene e addensanti. Tensioattivo anfotero molto delicato per cosmetici delicati, compatibile con qualsiasi altro tipo di tensioattivo. Liquido con pH 8,0-9,0. Utilizzato nei cosmetici in una vasta gamma di prodotti.

Con l'aggiunta dei due tensioattivi sopra menzionati, ho incontrato su Ayherb molti gel doccia e bagnoschiuma, oltre a shampoo e lavaggi di diverse aziende: Nature's Gate, Jason, Giovanni, Earth Science.

Monoetanolamide di cocco - Usato come agente schiumogeno o stabilizzante in detersivi liquidi e in polvere. Il prodotto può essere utilizzato anche come regolatore di viscosità. L'olio di cocco monoetanolamide fa parte delle formulazioni: shampoo, saponi liquidi, gel doccia, risciacqui, shampoo per tappeti, detersivi per piatti, detergenti domestici generici.

Alchilpoliglicosidi - Alchilpoliglicosidi di varie frazioni C8 - C10, C12 - C14, C8 - C14.

tensioattivi non ionici che formano una schiuma fine, morbida e stabile;
hanno buone proprietà bagnanti;
sono compatibili con altri ingredienti, e hanno anche un effetto sinergico con altri tensioattivi, sono utilizzati nella formulazione di detergenti a schiuma delicata a basso effetto irritante;
facilmente solubile in acqua:
prodotti ecologici e completamente biodegradabili
Usi: shampoo, bagnoschiuma, lozioni detergenti per la cura della pelle, creme (come emulsionanti), detersivi per piatti, detergenti per superfici, detergenti industriali.

Coconut Diethanolamide (Olio di cocco dietanolammina, Olio di cocco acido, Cocamide DEA, Ninol, Witcamide, Calamide) - ben compatibile con i tensioattivi anionici, è un buon addensante, stabilizzatore di schiuma, agente refatting. Questo prodotto viene utilizzato per la produzione di shampoo, gel doccia, bagnoschiuma, prodotti chimici domestici

PEG-7 Glyceryl Cocoate - Ri-grasso, condizionante ed emolliente. Ha proprietà solubilizzanti. Utilizzato nei cosmetici detergenti: shamuni, gel doccia, bagnoschiuma, saponi liquidi.

Laureth-2 - Addensante per detergenti in schiuma (shampoo, bagnoschiuma, gel doccia, saponi liquidi, prodotti per l'igiene intima). Dona lucentezza alle formulazioni per la cura dei capelli. eteri monoalchilici di polietilenglicole (n = 2) a base di alcoli della frazione laurica. Tensioattivo non ionico. Proprietà a bassa schiuma. Emulsionante e co-emulsionante oleosolubile, addensante per composizioni schiumose.

Syndet a base di Na / K LS (miscela Sodio / Potassio Lauril Solfati) - Base per sapone detergente da barretta solida a base di una miscela di sodio lauril solfati e potassio.

Syndet a base di Na / K LS e DSLSS (miscela Sodio / Potassio Lauril Solfati e Disodio Lauril Solfosuccinato) - Base per saponette detergenti solide a base di una miscela di sodio e potassio lauril solfati e sodio lauril solfosuccinato.

Syndet a base di Na / K LS e SCI (miscela di sodio / potassio lauril solfati e sodio Cocoyl Isethionate) - Base per sapone detergente per barrette solide a base di una miscela di sodio e potassio lauril solfati e sodio cocoil isotionato.

Lauramine Oxide - Non ionico Pav. Rafforza la formazione di schiuma e la stabilizzazione della schiuma, ha un effetto addensante. Come parte degli shampoo, migliora notevolmente le proprietà condizionanti.

Praticamente non si trova negli shampoo, ma una buona metà dei prodotti per il bagno e per i piatti di Herb contiene questo tensioattivo :)

Lauramidopropylamine Oxide è un tensioattivo anfotero delicato. Compatibile con tutti i tipi di tensioattivi. Riduce l'effetto irritante di altri tensioattivi. Dona una ricca schiuma cremosa. Non usato molto spesso nei cosmetici.

Lauryl Betaine - appartiene alla classe dei tensioattivi anfoteri. I tensioattivi anfoteri, a seconda dell'ambiente, mostrano le proprietà dei tensioattivi cationici (in una soluzione acida) o anionici (in una soluzione alcalina). Compatibile con tutti i tipi di tensioattivi, resistente ad acidi e alcali. È un tensioattivo delicato, ha eccellenti proprietà schiumogeni e pulenti, stabilizzatore della schiuma, rende la schiuma più liscia. Antistatico, ha un leggero effetto condizionante. Adatto per cosmetici per bambini.

Secondo Ayherb, la maggior parte delle aziende naturali produce con la sua aggiunta sapone liquido per mani e gel doccia, shampoo e ancor più per cosmetici per bambini..

Questo è forse tutto ciò che ho potuto trovare su Internet e ricordare dalle lezioni della mia università. Ho provato ad aggiungere tutti gli agenti schiumogeni più o meno popolari e spero che l'articolo ti sia stato utile.